venerdì 9 gennaio 2015

In Evidenza! Una casa di acqua e cenere di Kalyan Ray

Ciao a tutti! Ci avviciniamo ad un nuovo fine settimana e tante uscite ci aspettano in libreria. Oggi, però, vi voglio parlare di un romanzo in uscita il 12 Gennaio per la Nord dal titolo: "Una casa di acqua e cenere" di Kalyan Ray. Questo autore è considerato uno dei miglior traduttori di poesia indiana contemporanea. Infatti è molto ricercato dalle università di tutto il mondo per tenere conferenze e seminari. Questo è il suo romanzo d'esordo in Italia.

12 Gennaio 2015

TITOLO: Una casa di acqua e cenere
AUTORE: Kalyan Ray
EDITORE: Nord
PAGINE: 480 pg
PREZZO: 18 euro

TRAMA

Questo romanzo inizia con un delitto compiuto oggi, negli Stati Uniti. Crudele e misterioso come tutti i delitti. Anzi forse ancora di più. Chi poteva desiderare la morte dei Mitra, anziani e pacifici coniugi di origine indiana? E come mai l’assassino ha deciso di pugnalarli nel sonno, mentre dormivano abbracciati?
A questo punto, ci aspetteremmo di leggere d'indagini, di prove, d'indiziati. Invece no. Voltando pagina, ci ritroviamo catapultati indietro nel tempo, nel 1848, e lontano, in Irlanda.
Perché la morte dei coniugi Mitra ha le sue origini lì, in quel Paese devastato dalla carestia, da cui fuggono due amici: il primo, Pàdraig, per uno scherzo del destino si ritrova su una nave diretta in India. L’altro, Brendan, s’imbarca verso l’America, convinto che il sogno di una vita migliore possa diventare realtà.
La storia di entrambi – e quella dei loro figli, e poi dei loro nipoti… – sarà ricca di tutte le sfumature dell’avventura umana: incontri, passioni, tragedie, avventure, amori e tradimenti tracceranno un arabesco colorato e imprevedibile, che si dipanerà lungo il filo della Storia e del mondo intero. Ma sarà soltanto ai nostri giorni che i due fili si salderanno in un nodo di sangue…

Perché noi tutti siamo come case, piene di ricordi e di emozioni.
Perché noi tutti siamo come case d’acqua, in perenne movimento, talvolta limpide, talvolta oscure.

Perché noi tutti siamo come case d’acqua e cenere: la cenere del passato, di chi ci ha preceduto, di chi ha amato e odiato prima di noi. Lasciandoci in eredità futuro.


Sembra essere una storia intensa e molto profonda.
Che dite?

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog