mercoledì 4 febbraio 2015

Recensione: Non ti addormentare di S.J. Watson

Ciao a tutti! Oggi torno con la prima recensione del mese di febbraio.
La mia prima lettura ha ricoperto uno dei miei parametri mensili "leggere un thriller" ed eccomi qui a parlavi di "Non ti addormentare" di S.J. Watson.

SCHEDA DEL LIBRO

TITOLO: Non ti addormentare
AUTORE: S. J. Watson
EDITORE: Piemme
PAGINE: 418 pg
PREZZO: 13 euro







TRAMA

Ogni mattina Christine si sveglia senza ricordi. Non sa a chi appartenga la casa in cui si trova, l'uomo che le dorme accanto le è totalmente estraneo, e anche il suo viso, riflesso nello specchio del bagno, non solo non le è familiare, ma le sembra molto meno giovane di quanto secondo lei dovrebbe essere. È suo marito a darle quotidianamente le coordinate della sua vita, a spiegarle chi è lui, chi è lei, e che cosa le è successo anni prima, un incidente che ha modificato radicalmente la sua vita, privandola dei ricordi e costringendola a ricominciare ogni giorno in un difficile apprendimento dell'esistere. Ma Ben le dice tutto? E se è così, perché non le ha parlato del dottor Nash, un giovane neuropsichiatra deciso a studiare il suo caso, con cui Christine si incontra di tanto in tanto e che la spinge a tenere un diario? E perché su una pagina di questo diario Christine ha scritto "non fidarti di Ben"? Giorno dopo giorno, con l'aiuto del dottor Nash, lampi di memoria attraversano la mente di Christine, tessere baluginanti di un mosaico che fatica a ricomporsi nella sua interezza e che, con il passare del tempo, le sembra sempre più minaccioso e inquietante. Finché dal passato emergerà il vero pericolo, quello che senza che lei ne sia consapevole si è appropriato della sua vita.

AUTORE

È nato in Inghilterra, nelle Midlands. Ha lavorato per parecchi anni nel Servizio Sanitario Nazionale prima di dedicarsi alla scrittura.
Questo suo primo romanzo, acquistato in 38 paesi e diventato subito un bestseller in tutto il mondo, é stato per settimane presente nelle classifiche dei principali quotidiani, ottenendo un ottimo consenso di critica e pubblico. Ufficialmente é diventato un film, prodotto da Ridley Scott e con Nicole Kidman nel ruolo di Christine.  





IL FILM - TRAILER




RECENSIONE

Christine una mattina si sveglia e non riconosce il posto in cui si trova e l'uomo al suo fianco. Spaventata si alza, pensa di aver bevuto, crede di avere ancora vent'anni. Cerca il bagno, accende la luce e vede sullo specchio una serie di fotografie, dove si vede con un'uomo. Capisce che quell'uomo è lo stesso visto poco prima a letto con lei. Non capisce, poi si guarda allo specchio e si vede diversa. Vede le rughe, si vede invecchiata. Urla. L'uomo si alza e la raggiunge e le dice di essere suo marito e che tutto va bene e poi le racconta la sua storia. Lei soffre di Amnesia e questo stato si rinnova ogni mattina annullando i ricordi del giorno prima.

"A sentire Ben, a sentire il dottore che ho visto questo pomeriggio, quando mi addormenterò la mia mente cancellerà tutto quello che so oggi. Tutto quello che ho fatto oggi. Domani mi sveglierò come mi sono svegliata questa mattina. Pensando di essere ancora bambina. Pensando di avere ancora un'intera vita di scelte davanti a me.
E poi scoprirò, di nuovo, che mi sono sbagliata. Le mie scelte sono già state fatte. Metà della mia vita è passata."


Questo libro crea dipendenza e per me fin dalla prima pagina è stato così, ritrovandomi catapultata nella storia. 
La narrazione è scorrevole, i colpi di scena, il modo in cui gestisce l'amnesia costante di Christine, giorno per giorno. Ho adorato l'idea del diario e soprattutto leggerlo. 
La confusione di Christine arriverà anche a noi e molto spesso saremo noi stessi a cambiare le possibili risposte a molte domande e ipotizzare i perché che la stessa protagonista continuerà a chiedersi fino alla fine della storia. Ci saranno momenti in cui non capiremo più niente e la voglia di scoprire qualcosa in più non mollerà mai portandoci a voler proseguire la lettura.
Il libro parla dello stato d'animo di questa donna intrecciandosi alla sua vita reale, dimenticata o immaginata fino a crederci. L'unico difetto che forse ho notato durante la lettura è che certe parti, secondo il mio punto di vista, potevano anche non esserci. Non so se questo è stato un modo per allungare un po' di più la storia o per rendere il tempo più vicino alla quotidianità di Christine. 
Immaginare come la protagonista può vivere una situazione simile non sarà facile e il mondo in cui verrà ingannata da se stessa e dalla mente le farà credere ogni giorno di impazzire ma sarà proprio il diario a tenerla in piedi e portarla avanti alla scoperta di ciò che le ha causato l'amnesia e la verità.
La storia è un'alternarsi di immagini vere e inganni. Le stesse persone che incontreremo durante la lettura saranno coinvolte nello stesso gioco non riuscendo ad intuire chi vuole aiutare Christine e chi vuole portarla fuori strada. Questa situazione si protrarrà fino alla fine del libro.
Questo thriller psicologico saprà prendersi gioco di noi e lo ameremo e odieremo allo stesso tempo, compresa la stessa Christine. 
Se amate questo genere non potete non provare questa lettura e conoscere la crudele realtà della nostra protagonista. 

PUNTEGGIO


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog