sabato 11 aprile 2015

Letture di Gruppo: Noi due ai confini del mondo - Morgan Matson (Recensione)

Buon sabato sognatori! Nuova recensione in collaborazione con altre 3 ragazze simpaticissime con le quali condividerò delle letture mensili. Aprirò proprio una sezione in cui troverete le nostre letture e le recensione di tutte noi sui libri che selezioneremo!


Le mie compagne di viaggio:


-----------------------------------------------------------------------

SCHEDA DEL LIBRO


TITOLO: Noi due ai confini del mondo
AUTORE: Morgan Matson
EDITORE: Newton Compton
PAGINE: 414 pg
PREZZO: 9,90 euro








TRAMA


Amy Curry pensa che la sua vita sia uno schifo. Suo padre è recentemente scomparso in un incidente d'auto e sua madre ha deciso di trasferirsi dalla California al Connecticut, proprio durante il suo ultimo anno di scuola. Il viaggio in macchina per raggiungere la costa opposta degli Stati Uniti è lunghissimo, e con lei ci sarà Roger, figlio di un'amica della madre, che Amy non vede da quando erano bambini. Perciò, quando se lo trova di fronte, Amy ha uno strano sussulto, che però è brava a nascondere. La verità è che non è esattamente entusiasta all'idea di attraversare il Paese con qualcuno che non conosce, ma la strada è infinita e bisogna darsi il cambio alla guida. Il tragitto scrupolosamente programmato da sua madre viene però completamente stravolto, via via che l'iniziale diffidenza tra i due diventa simpatia, e il viaggio si trasforma, ora dopo ora, in qualcosa di diverso, molto speciale e più profondo...

AUTORE

È nata nel 1981 ed è cresciuta tra New York e il Connecticut. Ha frequentato l’Occidental College di Los Angeles, ma prima di prendere il suo diploma in teatro, ha iniziato a lavorare nel reparto bambini del Vroman Bookstore e si è innamorata della narrativa Young adult. Dopo la laurea, ha preso un master in Scrittura per ragazzi. Noi due ai confini del mondo, ispirato da tre viaggi on the road, è stato nella lista dei migliori libri scelti dalla American Library Association, ha ottenuto il “Flying Start” del «Publishers Weekly» ed è stato candidato per il Waterstone’s Book Prize.




RECENSIONE

Questo libro si è rivelato un viaggio, non solo per i due protagonisti Amy e Roger ma anche per noi stessi che ci ritroveremo a seguire le loro tappe.
La cosa più bella e che rende particolare questo libro sono gli inserti di immagini, playlist, disegni, scontrini e tutto questo, lo sappiamo tutti, affascina qualsiasi lettore.
Guardando la copertina e leggendo la trama ci aspetteremo un romanzo tipicamente rosa, ricco d'amore e che potrebbe ricordarvi alcuni libri simili e invece sorpresa, non è assolutamente così.
Questa è la storia di Amy e Roger e del loro viaggio alla ricerca di se stessi, per ricostruire la loro vita oppure, è meglio dire, migliorarla.
Amy è una ragazza spaventata e sperduta, soprattutto dopo la morte del padre che per lei era un punto di riferimento. Roger ha l'animo delicato e proprio per questa sua sensibilità riesce a capire Amy e a rispettare i suoi momenti senza tante parole o gesti. Proprio per questo modo di dare tempo, Roger diventerà, senza forzatura, molto importante per Amy.
Durante lo scorrere delle pagine vedremo la nostra protagonista femminile crescere e tornare alla vita prendendo tempo per se stessa.

"Pensai a Roger. Poco prima mi aveva chiesto dove fosse il mio senso dell'avventura. Stava scherzando, naturalmente, ma quella domanda ora mi riecheggiava in testa. Perfino la Vecchia Amy era sempre stata un po' cauta. Dovevo esserlo, con Charlie che non prendeva alcuna precauzione. E avevo letto e consultato mappe per troppo tempo, per non desiderare di seguire un programma con una meta all'orizzonte. Ma gliene avevo appena cantate quattro a mia madre, e il mondo non era finito. Ed eccomi qua, da sola in Kentucky, con Roger e uno sconosciuto in un ristorante di lusso, con addosso i vestiti di un'altra. Forse il mio senso dell'avventura non si era spento per sempre. Forse si era solo assopito."

Amy dovrà far pace anche con il fratello gemello Charlie, caduto nella tossicodipendenza e con la madre diventata, dopo la morte del padre, inesistente.
Questo confronto le farà scattare dentro di sé qualcosa di fondamentale, ponendo delle nuove basi per ricominciare a credere nella sua famiglia.

"Qualcosa, nelle parole di Lucien, mi suonò familiare ed ebbi una rapida visione di Charlie, la sua testa che spariva mentre sgattaiolava fuori, notte dopo notte. - Penso che mio fratello faccia lo stesso -  dissi piano. - Non so se scappa dalla cose. Ma penso che gli piaccia andare in posti in cui la gente non possa seguirlo -"

Questa lettura scorre e vi darà quella voglia di prendervi la vostra libertà, preparare uno zaino e partire. L'amore c'è ma il modo in cui l'autrice lo tratta non lo rende l'elemento chiave della storia. 
Il viaggio "on the road" che seguiremo potrebbe benissimo rappresentare le tappe che Amy compie dentro di sé. 
Una storia dolce, ricca di musica e avventurosa, semplice da leggere e per come si caratterizza anche originale. Vi consiglio di ascoltare durante la lettura anche voi le varie playlist e immergervi insieme ai protagonisti nella stessa atmosfera.

PUNTEGGIO


1 commento:

  1. Bellissima recensione! Concordo sopratutto sul fatto che questo libro è un viaggio non solo per i protagonisti, ma anche per noi lettori che ci immedesimiamo totalmente nei due ragazzi. E'una lettura ricca di emozioni e avventura, mi ha fatto venire voglia di partire per un viaggio simile :)
    Ho apprezzato anche il fatto che la storia d'amore sia messa in secondo piano rispetto al vero scopo del viaggio, e mi hanno commossa moltissimo i ricordi di Amy sul papà! T.T
    Nei prossimi giorni farò anche io sul mio blog la recensione, è stato un piacere condividere la lettura insieme :)

    RispondiElimina

Cerca nel blog