martedì 28 aprile 2015

Recensione: Confessioni di uno sconosciuto di Claudio Guarini

Buongiorno lettori, questa settimana le recensioni saranno molte e diverse le dedicherò ad autori che gentilmente mi hanno contattata per dare spazio al loro romanzo sul mio blog. Parto con ordine e oggi vi parlo di una storia che vi farà riflettere su molti aspetti della vita.

SCHEDA DEL LIBRO

TITOLO: Confessioni di uno sconosciuto
AUTORE: Claudio Guarini
PAGINE: 122 pg

LINK ACQUISTO: AMAZON!

BLOG: http://www.claudioguarini.com






TRAMA

Ti alzi al mattino per andare incontro alla solita quotidianità ma il tempo volutamente mette le lancette fuori posto e il corso della giornata cambia irrimediabilmente, segnandoti per sempre. Incontri uno sconosciuto incappucciato e armato che tiene improvvisamente sotto scacco la tua vita. Sembra giocare con la tua mente fino al punto di portarti quasi ad impazzire, fino al punto di farti affrontare un inferno del tutto ignorato sino a quell'istante.
Nessuna alternativa. Fuggire o andare incontro alla verità anche a costo della morte?

Scherzo del destino, della mente, incubo o realtà?

BIOGRAFIA


Claudio Guarini non ama farsi definire nello specifico, quindi non si considera propriamente uno scrittore ma un creativo che fa della vita la sua base per sviluppare la realtà attraverso l'immaginazione. E' da sempre immerso nella ricerca di sè, nella comunicazione universale di un messaggio: ESSERE SE STESSI, ABBANDONARE LE PAURE E I CONDIZIONAMENTI per riconoscersi come un essere unico e irripetibile non separato dall'universo. Si impegna nella condivisione delle sue emozioni attraverso la creazione di video e libri a cui sta cercando di dedicarsi a tempo pieno.

BOOKTRAILER




RECENSIONE

"Questa è la fine di chi non sa prendere decisioni. Questa è la fine di chi vacilla tra l'essere e il non essere, tra il rimanere addormentati o svegliarsi per mettersi in salvo."

In una mattina qualunque la sveglia segna l'inizio della routine, colazione, cercare le chiavi dell'auto, salutare la propria compagna e uscire di fretta convinti di essere in ritardo al lavoro.
Eppure, quella mattina, per il nostro protagonista qualcosa ha interrotto lo stesso schema continuo.
Uscire un'ora prima senza ricordarsi il cambio dell'ora legale può cambiare la giornata.
Cambiare strada per recarsi al lavoro può scuotere gli eventi e intrecciare la monotonia con la novità.
L'aspetto nuovo per il nostro protagonista avrà le sembianze di un uomo inquietante con una felpa nera e il cappuccio sollevato sopra la testa.
A causa di una distrazione al volante, per poco, quell'uomo poteva essere investito.
Sceso dalla macchina in preda al panico il nostro protagonista si preoccuperà sullo stato dell'uomo fermo immobile in mezzo alla strada ma l'unica comunicazione tra loro avverrà tramite uno sguardo. Questo atteggiamento inusuale darà il via alla paura. Paura di quello sguardo, di quell'improvviso ghigno e del silenzio.
Ecco come quella presenza porta al terrore, alla confusione, a quella voglia di scappare lontano e non rivederlo più nonostante si inizi a percepire qualcosa di diverso.
Risalendo nell'auto spronato dal resto del mondo si reca al lavoro sotto shock, rendendosi conto di essere in anticipo.
Dal momento in cui parcheggia la macchina vicino alla banca in cui lavora, la follia prenderà posto nella sua mente divertendosi a prendersi gioco di lui e di noi.
Una serie di malfunzionamenti della banca darà il via ad una catena di eventi, aprendo le porte all'uomo della felpa inghiottendo la chiave dell'uscita e tutti i presenti.
Penserete di trovarvi davanti ad una rapina e invece i soldi non sono il motivo della sua presenza ma qualcosa che ognuno di loro ha dimenticato.

"Tu vedi fuori l'inferno o il paradiso a seconda di quanto inferno o paradiso hai dentro"

L'autore ha dato forma ad una storia che parla di come tutti siamo diventati burattini del sistema o di ciò che ci viene imposto fin da piccoli o che dobbiamo portare avanti perché pochi hanno provato a cambiare la routine. Arriva il giorno in cui qualcosa di intenso sveglia il vostro essere ed è inevitabile riflettere sulla propria vita diventata ripetitiva.
L'uomo della felpa ha un ruolo fondamentale portando con sé una verità nascosta o trattenuta dentro di noi e sarà proprio questo a portare il nostro protagonista in una serie di riflessioni sul suo presente.
Il modo in cui questa storia è raccontata vi porterà a porvi molte domande, nonostante siamo tutti consapevoli di come tutto questo sia attorno a noi.
Chi di noi è se stesso? Chi di noi agisce come vorrebbe e non come gli altri vorrebbero? Quante maschere indossiamo al di fuori del nostro corpo?
Queste sono solo alcune domande che vi chiederete e che questa storia vi farà arrivare senza avere il potere di fermarle. Eppure ci vuole quel coraggio per andare contro corrente e salvarsi da quella fine che la monotonia un po' impone.
"Confessioni di uno sconosciuto" vi rapisce dall'inizio alla fine. Una lettura che lascia il segno e che merita principalmente per ciò che l'autore vuole dirci.
L'originalità della storia riesce a dare ancora più impatto al suo significato e quel protagonista, a volte, si confonderà con voi stessi.

PUNTEGGIO

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog