giovedì 1 ottobre 2015

Recensione in pillole: "L'angelo di Marchmont Hall" di Lucinda Riley (Giunti)



Oggi vi propongo una mini recensione dedicata alla mia ultima lettura.

SCHEDA DEL LIBRO

TITOLO: L'Angelo di Marchmont Hall
AUTORE: Lucinda Riley
EDITORE: Giunti
PAGINE: 608 pg
PREZZO: 11,90 euro

TRAMA


"L'angelo di Marchmont Hall", un libro sul destino e sull'amore, quello puro e mai confessato, quello che nel silenzio vince su ogni cosa. Sono passati trent'anni dall'ultima volta che Greta è stata a Marchmont Hall, la magnifica tenuta di famiglia sulle colline del Galles. E adesso, mentre varca i cancelli al fianco di David Marchmont, nipote del suo defunto marito, non può fare a meno di chiedersi se il luogo in cui ha vissuto per tanti anni sarà in grado di dischiudere qualche squarcio sul suo passato. Dopo un terribile incidente d'auto, infatti, Greta non ricorda più nulla e rifiuta di abbandonare il suo appartamento londinese troppo a lungo, tenendo a distanza tutti quelli che hanno fatto parte della sua vita. Tutti tranne David, l'unico amico di cui si fida e per il quale prova qualcosa che va al di là della semplice gratitudine. È stato proprio lui a raccontarle com'era la sua vita prima di quel giorno e a convincerla a trascorrere il Natale a Marchmont Hall. Ma durante una passeggiata nel bosco, ai piedi di un abete, Greta scorge una lapide e spazza via la neve che ricopre l'iscrizione. Certo non immagina che quel nome inciso sulla pietra la travolgerà con un'ondata di ricordi...

BIOGRAFIA


Lucinda Riley è nata in Irlanda e ha esordito come scrittrice a 24 anni. Il giardino degli incontri segreti (Giunti 2012) è diventato un bestseller internazionale e in Italia è balzato subito ai primi posti delle classifiche. Sempre per Giunti sono usciti La luce alla finestra (2013), Il segreto della bambina sulla scogliera (2013) e Il profumo della rosa di mezzanotte (2014), tutti accolti da un grande successo di pubblico. I suoi romanzi hanno venduto oltre 4 milioni di copie nel mondo e sono tradotti in 26 Paesi. Lucinda vive tra il Norfolk e il Sud della Francia, con il marito e i quattro figli.
Altre informazioni sui libri di Lucinda Riley sul sito: www.lucindariley.com




COMMENTO PERSONALE:

Le storie di Lucinda Riley ti conducono in luoghi magici e ricchi di fascino. Il suo modo di alternare passato e presente vi permette di avere una visuale molto dettagliosa delle vicende raccontando la storia della famiglia. 
Il principale talento dell'autrice è proprio legato a questo, il fatto di saper intrecciare gli eventi senza confondervi e rendendo il tuo coinvolgente e facile da seguire.
I suoi personaggi vivono sempre delle esperienze drammatiche. Le tematiche che vengono trattate di questo libro coinvolgono l'amore, l'amicizia, la famiglia, la speranza, riscatto e insicurezza.
La protagonista, è la nostra Greta, una donna che non avrà una vita facile e questo la porterà a seguire delle strade sbagliate o a comportarsi in modo troppo protettivo. Alcuni suoi atteggiamenti la renderanno cieca davanti alla verità e i problemi evidenti della figlia verranno nascosti cercando delle giustificazioni valide.
La figlia Cheska sarà una personalità molto problematica e questo suo mondo irreale coinvolgerà tutta la famiglia portando a gravi conseguenze.
La casa di Marchmont Hall è la base dove tutto inizia e dove tutto poi continuerà a esistere. E' l'unica certezza per ognuno di loro. Quel luogo rappresenta lo sfondo principale dei fatti e di ciò che si scoprirà.  Questa storia vi lascerà sulla pelle quel velo di tristezza ma allo stesso tempo di sollievo.
L'unico difetto che ho percepito è che a volte le reazioni dei personaggi sono un po' troppo superficiali e veloci. 
Per quanto riguarda tutto il libro in generale, mi è piaciuto molto ma amando lo stile di Lucinda non avevo dubbi. Sinceramente se facessi un paragone ho apprezzato molto di più "Le Sette sorelle" che ho amato moltissimo.

PUNTEGGIO



2 commenti:

  1. Se dovessi fare una scaletta dei libri della Riley come li metteresti? Partendo da quello che ti è piaciuto di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le Sette Sorelle vince :-)! Non so quella storia mi è piaciuta molto di più..però prima voglio leggere gli altri!

      Elimina

Cerca nel blog