martedì 5 luglio 2016

La trilogia del Cavaliere d'inverno: ecco cosa ne pensiamo!

Buon martedì cari lettori, questa è una puntata speciale dedicata interamente ad una trilogia che io e  Serena del blog "Libri e molto altro" abbiamo appena terminato di leggere. 
Dieci domande a cui abbiamo risposto esprimendo la nostra opinione sulla famosa serie di Paullina Simons. 
Partiamo con ordine: di cosa stiamo parlando?


TRAMA

Leningrado, 1941. In una tranquilla sera d'estate Tatiana e Dasha, sorelle ma soprattutto grandi amiche, si stanno confidando i segreti del cuore, quando alla radio il generale Molotov annuncia che la Germania ha invaso la Russia. Uscita per fare scorta di cibo, Tatiana incontra Alexander, un giovane ufficiale dell'Armata Rossa che parla russo con un lieve accento. Tra loro scatta suvbito un'attrazione reciproca e irresistibile. Ma è un amore impossibile, che potrebbe distruggerli entrambi. Mentre un implacabile inverno e l'assedio nazista stringono la città in una morsa, riducendola allo stremo, Tatiana e Alexander trarranno la forza per affrontare mille avversità e sacrifici proprio dal legame segreto che li unisce.

--------------------------------

"LE DOMANDE"


1. Cosa ti è piaciuto di più di questa saga?


Katia: Quello che mi ha colpito molto dell'intera serie è la caratterizzazione dei personaggi e il modo in cui Tatiana e Alexander si rapportano tra di loro. Tutto il libro presenta una realtà spesso spiazzante soprattutto perché ci ritroviamo in un periodo storico in cui quello che leggiamo è avvenuto. La Simons e prima di tutto credibile sulle ambientazioni e sul modo in cui descrive la società e i rapporti. In tutto questo ha creato una storia d'amore quasi inverosimile e unica.


Serena: Le saghe che ho letto fin'ora non mi hanno mai colpita come questa (Harry Potter a parte) perchè ogni libro mi ha fatto provare emozioni in modo diverso. Non ne ho trovato nemmeno uno di scontato, ogni volume racconta una parte della vita dei due protagonisti ma sempre in modo diverso!!!!



2. Cosa invece ti ha un pò delusa o non ti ha molto convinta?


Katia: Non mi ha molto convinto certi comportamenti di Tatiana, a volte presentandosi molto ingenua e l'intero terzo libro della serie che mi è sembrato davvero in più e forse molto lento nel narrare le vicende.


Serena: Forse nel secondo libro ho trovato un pò lenta la parte in cui vengono riassunti i fatti del primo volume dal punto di vista di Alexander. Ha comunque un suo perchè: aiuta a conoscere meglio il personaggio, a capire il perchè di certe sue azioni che avvengono nel primo libro, ecc..

3. Un tuo pensiero sui protagonisti


Katia: Tatiana è una lolita russa, bella e irresistibile, coraggiosa e ingenua. Tatiana è adulta e bambina allo stesso tempo. Spesso questo personaggio ha avuto durante la trilogia dei comportamenti estremi come se non conoscesse una via di mezza. Una donna che si è completamente data all'amore verso Alexander mettendo da parte tutto, spesso anche il figlio. Alexander è nei primi due libri l'uomo perfetto nonostante mille difetti. Dotato di una venerazione verso Tatiana irreale e speciale. Lui è quel protagonista che si dimostrerà piano piano sempre più umano e imperfetto, capace di commettere errori davvero gravi e combattendo per tutta la trilogia verso la società, la guerra e se stesso.


Serena: Ho adorato Tatiana per la sua gentilezza, per il suo amore, per l'altruismo ma l'ho trovata anche molto testarda e a volte ingenua :-). Alexander non è da meno! Gentile, premuroso, forte.... un vero cavaliere ma anche lui ha avuto qualche lato negativo, soprattutto nel terzo libro!!! Però il loro amore è unico!!
L'unica piccola pecca è che l'autrice a volte si è un pò fatta prendere la mano nelle parti in cui gli innamorati si amano :P 



4. Come hai trovato lo stile di scrittura di Paullina Simons?


Katia: La Simons scrive in modo completo. Non si risparmia in descrizioni, nel raccontare le vicende e nei dialoghi. Il suo stile ti catapulta nella storia coinvolgendoti totalmente. Dal punto di vista politico ci ritroviamo a conoscere la realtà della guerra e della popolazione in quegli anni.
In qualche punto vi potrà sembrare una lettura un po' lenta e nel terzo libro forze un po' forzata nelle vicende. Personalmente dove aver letto questa trilogia mi rendo conto che sarà difficile riuscire a leggere libri più semplici e leggeri.


Serena: La lettura dei suoi libri è molto scorrevole, veloce! Si ferma in qualche descrizione ma non sono per nulla noiose, cosa che invece può essere leggendo gli avvenimenti storici, un pochino lenti ma mi hanno permesso di conoscere anche un pò di storia.



5. Cambieresti qualcosa della saga?


Katia: Cambierei la parte più "erotica" che in certi punti prende il sopravvento nella storia e il finale del terzo volume che personalmente mi ha un po' deluso e che ho trovato inconcludente.


Serena: Assolutamente NO!!!!!! Anzi, avrei preferito che durasse un pò di più!!!!!!! I volumi contano circa 650 pagine di media, troppo poche per godersi appieno questo romanzo!!!



6. Quale dei 3 libri ti è piaciuto di più?


Katia: Assolutamente il primo volume anche se ho apprezzato anche il secondo dalla metà in poi.


Serena: Domanda troppo difficile, non saprei scegliere!!!!! Se proprio devo farlo dico il secondo perchè, nonostante la ripetizione del primo libro, narra l'amore dei due protagonisti!!!! Il primo è l'inizio quindi è molto carino ma parla del loro incontro, l'innamoramento, ecc (non posso dirvi di più :P) e il terzo l'ho adorato ma è l'ultimo volume quindi ho dovuto salutarli. Preferisco l'intermedio :-)




7. La tua citazione preferita


Katia: Non c'è una citazione preferita ma il momento più bello di tutta la trilogia è stato il primo incontro tra Tatiana e Alexander.


Serena: "Niente cambierà ciò che non può essere cambiato. Possiamo solo cambiare ciò che può essere cambiato".
Ce ne sono tantissime citazioni che mi sono piaciute ma questa è la mia preferita!



8. A chi consiglieresti questo libro?

Katia: Lo consiglierei a tutti. E' un libro che ti cambia come lettore portandoti ad un livello più maturo. Personalmente credo che sia una lettura a cui bisogna dedicarsi al 100% ma senza fretta, godendosi interamente la storia. 


Serena: A tutti :-) No dai, seriamente lo consiglio a chi adora le storie d'amore, soprattutto quelle ambientate all'epoca dei nostri nonni!!! Lo consiglio a tutti perchè, personalmente, lo ritenevo un mattone sdolcinato!!! Per carità, a volte è melenso ma nel modo giusto, nel modo in cui fa sciogliere il cuore a noi ragazze :-) anche a quelle che, come me, si tengono ben distanti da questo genere di libri!




9. Chi invece non dovrebbe leggerlo?


Katia: Dovrebbero leggerlo tutti però al momento giusto. Non compratelo così per sentito dire, prendetelo quando avete davvero voglia di leggerlo. Non vi deluderà.


Serena: A chi non piace sognare! :-)



10. Esprimi il tuo parere finale. Da 1 a 5 quale voto daresti a questa trilogia?


Katia: L'intera trilogia è assolutamente un 5 anche se il terzo volume non merita le cinque stelline.
Il voto completo lo devo dare alla storia e al modo in cui è stata raccontata. Non è perfetta, ci sono dei piccoli passaggi che forse vi lasceranno con qualche dubbio ma è meravigliosa così. Pensandoci bene non la cambierei di una virgola. Il primo volume funge da introduzione alla storia, il secondo vi porta a conoscere dei dettagli in più del personaggio di Alexander e cosa succede come seguito alle vicende del primo. Nel terzo volume abbiamo la storia negli anni dopo della coppia. Io vorrei consigliarvi la lettura dei primi due ed eventualmente se la curiosità non vi da tregua la lettura del terzo anche se un po' si spezza quella magia.


Serena: 5 ovviamente!!!! Questa trilogia è entrata a far parte dei miei libri preferiti!!!! Non sapete quanto mi è dispiaciuto dover salutare Tatiana e Alexander, sono contenta di aver seguito il consiglio di quella ragazza che mi ha consigliato il primo volume, GRAZIE!!!! Mi ha dato la possibilità di trovare un piccolo tesoro!!!!

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog