martedì 19 settembre 2017

Recensione: "L'inganno" di Thomas Cullinan (Dea Planeta)


 "L'inganno" 
di Thomas Cullinan


Dea Planeta - Pg. 472 pg
Prezzo: 17 euro

TRAMA

Cinque allieve appena, le uniche rimaste. E un nome che "ci metti di più a pronunciarlo che a fare l'appello": il Collegio per signorine di Miss Martha Farnsworth. Nella Virginia insanguinata dalla guerra civile, tra l'eco dei cannoni e la paura che come un'ombra si addensa contro i muri del giardino, la vita della scuola diretta dall'austera Miss Martha scorre lenta e sempre uguale. Lezioni di cucito, musica e francese. Le incombenze domestiche, i pasti, le preghiere. E in questo mondo angusto e tutto al femminile che irrompe il caporale John McBurney, disertore dell'esercito nordista gravemente ferito. Nella fuga dall'inferno dei campi di battaglia, McBurney ha perso il fucile e forse l'orgoglio, ma non l'astuzia che è da sempre la sua arma più affilata. Assediate dalla guerra e dalla noia, soffocate dal morso dei corsetti e dei loro stessi desideri, le donne della scuola accolgono il soldato nemico e se ne prendono cura. Un po' alla volta, inevitabilmente, intrecciano con lui una danza sottile fatta di sfida, di potere e seduzione. Diffidenti, audaci, tenere, gelose, spaventate e possessive, le ragazze di Miss Farnsworth svelano una dopo l'altra la propria vera natura. E intanto, come falene attratte dalla fiamma, soccombono al fascino di un gioco dall'esito imprevedibile e fatale.



Ci sono libri in cui i protagonisti concorrono in un gioco composto da pettegolezzi, bugie e inganni. Quando un titolo è stato più esatto? L'inganno parla proprio di questo. Il generale John McBurney viene ritrovato da Amelia, un ragazza amante della natura, pronta a soccorrere qualsiasi creatura in pericolo. Amelia riesce a portare il ragazzo nel suo collegio, dove risiedono le altre sue compagne e le due padrone. 


Da quel momento in poi John inizierà a conoscere ogni presenza femminile presente nella residenza e con grande spigliatezza instaurerà dei rapporti con ognuna di loro.
John userà per tutto il libro un gran carisma elogiando ogni minima sfaccettatura di ognuna delle ragazze cercando in qualche modo di estorcere informazioni, favori o solamente per ingraziarsi ognuna di loro per divertimento.
John, infatti, sarà attratto specialmente da due di loro, Alice e Edwina, le quali si ritroveranno ad innamorarsi del caporale e pronte a deliziarlo in qualsiasi modo.
Ognuna delle presenti comincerà a dare grande risalto all'aspetto, al modo di porsi, instaurando un rapporto d'amicizia o d'amore con l'unico uomo presente nella casa.
Questo comportamento le porterà a scontrarsi tra di loro a causa di commenti sentiti o usati dallo stesso caporale. 
La routine diventerà quasi un ballo in cui l'unico cavaliere sarà John. Il clima nella casa, teso a causa della guerra, verrà risollevato rivelando, però, segreti e sospetti su ognuna di loro.
John porterà a galla i dissapori e le parti più nascoste, creando confusione e odio. Tutto ciò condurrà, purtroppo, ad alcune conseguenze molto spiacevoli per il caporale. 
La storia viene raccontata dando voce ad ogni ragazza. Conosceremo in questo modo i loro pensieri e il loro rapporto con John. L'autore riesce a darci una visione a 360 gradi dell'intera vicenda. Lo stile è davvero accurato e preciso nel descrivere come John cerca di sedurre ogni ragazza. Personalmente penso che ogni personaggio sia stato creato con una personalità che spicca e che rispecchia l'età e il periodo. Mi è piaciuto molto anche il personaggio maschile perché riesce a interpretare la sua giovane età e i pensieri che un ragazzo soldato può fare in un collegio femminile.  Userà il suo fascino con quella convinzione di essere irresistibile ed è forse questo l'aspetto che più vi farà innervosire di lui. 
Sinceramente è un libro che consiglio a chi piacciono le storie in cui si intrecciano sentimenti e furbizia creando continue sfide illudendo con le parole delle ragazze innocenti ritrovandosi loro stesse giocatrici.


PUNTEGGIO



Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog