mercoledì 21 marzo 2018

Se vi piace "True Detective"!

Buongiorno a tutti, chi di voi ha amato il telefilm di True Detective? Io moltissimo, soprattutto la prima stagione ma essendo una serie antologica non posso di certo dire che la seconda sia brutta, anzi, mi è piaciuta molto.
Se lo avete amato come me, vi consiglio la lettura di due libri. Il primo si riferisce alla prima stagione mentre il secondo è l'unico romanzo pubblicato in Italia del creatore di questa bellissima serie tv "Nic Pizzolatto" e vi posso consigliare di leggerlo se avete apprezzato la parte più noir e cruda delle due stagioni.

"IL RE GIALLO"
di Chambers


12.90 euro - Vallardi

TRAMA

Questa raccolta di dieci racconti fantastici, caratterizzati dal gusto per il soprannaturale, il mistico e il macabro, rievocano atmosfere vicine alle narrazioni di Edgar Allan Poe. Chambers ha lasciato il segno nella letteratura horror del Novecento e in particolare nel maestro del mistero e del terrore H.P. Lovecraft, che ha affermato: "Quest'opera raggiunge vertici straordinari di paura cosmica". Giustamente famosi sono i racconti che hanno come filo conduttore "Il re giallo", una fantomatica tragedia che induce alla pazzia tutti coloro che la leggono.

-----------------------------------------

"GALVESTON"
di Nic Pizzolatto


10 euro - Oscar mondadori
Pagine: 266

TRAMA

Roy Cady, pregiudicato, lavora come "persuasore" per un mafioso di New Orleans. Il giorno in cui gli viene diagnosticata una malattia incurabile scampa a un tentativo di omicidio fuggendo insieme a una sconosciuta, giovanissima prostituta, i cui segreti costituiscono una minaccia per la loro sopravvivenza. Ritrovandosi a proteggere la ragazza e una bambina di tre anni, dovrà compiere scelte difficili e tragiche le cui conseguenze si faranno sentire ancora dopo vent'anni. Galveston di Nick Pizzolatto è una fiaba nerissima che racconta di personaggi alla deriva verso destini inesorabili tra Louisiana e Texas. Una storia di gente che a costo di sforzi terribili cerca di uscire dalla propria solitudine disperata. Pizzolatto ci porta dentro un universo ferocissimo e al contempo profondamente umano, dove l'eterna lotta tra il bene e il male trova uno scenario perfetto, in un paesaggio grandioso e squallido, fatto di paludi e raffinerie, di motel e oceano.


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog