martedì 22 luglio 2014

Recensione: La libreria degli amori inattesi - Lucy Dillon

TITOLO: La libreria degli amori inattesi
AUTORE: Lucy Dillon
EDITORE: Garzanti
PAGINE: 472 pg
PREZZO: 9,90 euro







TRAMA

Michelle ha deciso di ricominciare e vuole dare una svolta alla sua vita. Rilevare una libreria con l'amica Anna è il primo passo. Un giorno, mentre è intenta a riordinare gli alti scaffali, all'improvviso dietro uno scatolone colmo di libri spunta un buffo musetto. È Tavish, il cane del vecchio libraio: nessuno può più occuparsi di lui e il negozio è ormai la sua casa. In cerca di un padrone, non ha dubbi e sceglie Michelle. Proprio lei che, dopo il fallimento del suo matrimonio, ha chiuso le porte delle emozioni e ha paura di un nuovo legame. Prendersi cura di un cane è l'ultima cosa di cui ha bisogno ora che l'attività di libraia stenta a decollare. Eppure, dire di no a quei grandi e dolci occhi scuri è impossibile: non c'è altra scelta che tenerlo. Quando il passato torna a bussare alla sua porta, Michelle scopre la forza di questa nuova amicizia. Perché l'uomo che l'ha fatta soffrire ha deciso di tormentarla ancora e lei sta per sprofondare di nuovo nelle proprie insicurezze. Ma la zampa di Tavish è lì pronta a portarla in salvo. Ormai non è più sola a risanare le ferite del suo cuore. Giorno dopo giorno l'allegria e la vitalità del cagnolino l'aiutano a non arrendersi e a riscoprire una sensazione che non provava da tempo: la felicità. Michelle deve trovare il coraggio di riprendere in mano la sua vita. Ad attenderla dietro l'angolo c'è qualcosa di inaspettato che ha il sapore dell'amore. E solo Tavish conosce la strada.

AUTORE


Lucy Dillon, nata nella contea di Cumbria, vive tra Londra e la Wye Valley con il fidanzato, nonché partner di foxtrot, tango e valzer. Ha imparato a ballare quando era molto piccola e da allora spera di essere diventata sempre più brava, anno dopo anno. Il suo sogno è danzare il foxtrot come Ginger Rogers.
Lezioni di ballo, proprio su questa passione, è stato il suo primo romanzo, edito in Italia da Garzanti nel 2008. 
Nel 2011 sempre per Garzanti è uscito invece Il rifugio dei cuori solitari.
Divide la sua vita fra Londra e la Wye Valley, dove ama passeggiare nelle Malvern Hills con i suoi basset hound, Violet e Bonham.


RECENSIONE

Oggi, vi parlo di un libro che esce un po' dai miei canoni ma che mi ha incuriosito. Si tratta di "La libreria degli amori inattesi" di Lucy Dillon. Perchè l'ho scelto? Perchè in questo libro ci sono come protagonisti i cani. Visto il mio amore sconfinato verso di loro non potevo resistere a questa lettura.
Partendo dal fatto che ne ho sentito parlare molto sul web e in modo positivo, già leggendo la trama cogliamo in cosa questa storia ci vuole accompagnare, soprattutto che tipologia di sentimento andrà a trattare. Parliamo di Amore e lo specifico con la A maiuscola.
Un sentimento trattato dall'autrice in diversi modi. Lo ritroviamo nell'amicizia tra Michelle e Anna, le due protagoniste, che seguiremo costantemente. Lo vedremo crescere a piccoli passi tra Anna e le tre figlie del marito avute dal precedente matrimonio. Comparirà nella passione di Anna verso i libri, quindi verso una passione che l'accompagna fin da piccola. Nascerà in modo innocente tra la figliastra di Anna e il fratello più giovane di Michelle. L'amore tra Anna e il marito. Sarà un sentimento che verrà raccontato con una veste diversa nella quotidianità.
Michelle è una donna d'affari, in apparenza forte ma bloccata nelle paure del passato. Sfuggirà a se stessa ricoprendosi con una maschera di perfezione assoluta. Anna, al contrario, è una donna sensibile, disponibile, sempre pronta a "dare" e dimostrare ma tralasciando ciò che lei desidera.
Sono due donne che nel corso della narrazione si metteranno in gioco, si perderanno e scopriranno la loro verità.
E' un libro intenso disposto a trattare con delicatezza temi normali della vita di ognuno di noi. E' una storia reale che possiamo comprendere per la sua vicinanza a noi.
Personalmente ho trovato la storia ben sviluppata e le descrizioni riescono a dare chiaramente la possibilità di immaginare ciò che leggiamo. Ho apprezzato lo stile dell'autrice e il suo modo di portarci nelle vite dei suoi personaggi scoprendoli lentamente ma con ordine. Non lo posso definire un romanzo "leggero" perchè la storia c'è ed è raccontata bene e sviluppata ampiamente.
La libreria degli amori inattesi è una lettura femminile, parla principalmente di noi. E' stata una parentesi che ha saputo lasciarmi qualcosa di nuovo.

PUNTEGGIO



Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog