venerdì 12 settembre 2014

Anteprima! In uscita il 7 Ottobre: Black Ice - Becca Fitzpatrick

Nuova anteprima, in uscita contemporanea mondiale il 7 Ottobre 2014 il nuovo romanzo di Becca Fitzpatrick "Black Ice". Per chi di voi non la conoscesse, questa autrice ha pubblicato la serie “Il bacio dell’angelo caduto” edito dalla PIEMME. La casa editrice, infatti, ci regala anche questa nuova storia travolgente.

7 Ottobre 2014

TITOLO: Black Ice
AUTORE: Becca Fitzpatrick
EDITORE: Piemme
PAGINE: 384 pg
PREZZO: 17 euro

TRAMA
Britt si è preparata per più di un anno a un trekking sul Teton Range. Quello a cui non era preparata, però, è scoprire che Calvin, il suo ex ragazzo e unico grande amore, si unirà a lei. Prima che Britt abbia tempo di esplorare i propri sentimenti, si scatena una terribile tormenta che la obbliga a rifugarsi in una baita sperduta. Peccato che gli occupanti, entrambi giovani e molto affascinanti, siano anche due fuggitivi decisi a prenderla in ostaggio. Britt sa che la conoscenza dei sentieri e l’attrezzatura da treking che ha con sé rappresentano la sua assicurazione sulla vita, e che deve solo resistere abbastanza a lungo perché Calvin la raggiunga, eppure…
In una disperata corsa contro il tempo e il freddo, Britt scoprirà che sotto la neve si nascondono moltissimi segreti e che forse il suo rapitore, la cui gentilezza è decisamente seducente, non è quello che sembra.


ESTRATTO:

Vuoi farmi credere d’essere un bravo ragazzo?
Scoppiò a ridere, rovesciando la testa all’indietro. – Un bravo ragazzo? Non lo pensi sul serio.
In effetti, non volevo che sapesse che cosa pensavo davvero di lui. All’effetto che aveva su di me, a come la mia pelle fremeva e si scaldava e sembrava sul punto di sciogliersi. Me l’aveva detto chiaro e tondo: “Io sono pericoloso”. Eppure, mentre i suoi occhi neri si accendevano, brulicanti di segreti, io avevo visto che cosa nascondevano. La gentilezza e la dolcezza.
Ripensai a quando l’avevo visto svestito, al suo corpo snello e scolpito. In confronto, Calvin sembrava un ragazzino. Lo sguardo sfuggì al mio controllo e mi ritrovai a spiarlo. Sbirciai verso la morbida, misteriosa linea della sua bocca.
E lo trovai che scrutava la foresta, un lampo di panico negli occhi scuri.
Che succede? – sussurrai.
Lupi. Almeno tre.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog