venerdì 30 gennaio 2015

Dal libro al Telefilm: The Casual Vacancy di J.K. Rowling






Notizia importante per gli amanti della nostra preferita J.K. Rowling
Dal suo romanzo "The Casual Vacancy" per gli italiani "Il seggio vacante" diventa un telefilm e il primo episodio verrà trasmesso domenica 15 Febbraio su BBC One alle 21. Questa mini serie è composta da tre puntate da un'ora. La cadenza anche dell'episodio due e tre avverrà sempre la domenica. Tra gli attori vediamo la presenza di Michael Gambon, ben noto per il ruolo del professore Albus Silente nei film della saga di Harry Potter. In questa storia interpreterà Howard Mollison, salumiere e capo-consigliere di Pagford.





IL LIBRO



TRAMA


A chi la visitasse per la prima volta, Pagford apparirebbe come un'idilliaca cittadina inglese. Un gioiello incastonato tra verdi colline, con un'antica abbazia, una piazza lastricata di ciottoli, case eleganti e prati ordinatamente falciati. Ma sotto lo smalto perfetto di questo villaggio di provincia si nascondono ipocrisia, rancori e tradimenti. Tutti a Pagford, dietro le tende ben tirate delle loro case, sembrano aver intrapreso una guerra personale e universale: figli contro genitori, mogli contro mariti, benestanti contro emarginati. La morte di Barry Fairbrother, il consigliere più amato e odiato della città, porta alla luce il vero cuore di Pagford e dei suoi abitanti: la lotta per il suo posto all'interno dell'amministrazione locale è un terremoto che sbriciola le fondamenta, che rimescola divisioni e alleanze. Eppure, dalla crisi totale, dalla distruzione di certezze e valori, ecco emergere una verità spiazzante, ironica, purificatrice: che la vita è imprevedibile e spietata, e affrontarla con coraggio è l'unico modo per non farsi travolgere, oltre che dalle sue tragedie, anche dal ridicolo. J.K. Rowling firma un romanzo sulla società contemporanea, una commedia sulla nozione di impegno e responsabilità. In questo libro di conflitti generazionali e riscatti le trame si intrecciano e i personaggi rimangono impressi come un marchio a fuoco. Pagford, con tutte le sue contraddizioni e le sue bassezze, è una realtà così vicina da non lasciare indifferenti.  

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog