mercoledì 7 gennaio 2015

Recensione: Maze Runner. Il Labirinto - James Dashner

Ciao a tutti! La prima recensione dell'anno prende forma e quest'anno mi sono imposta di completare alcune serie. La prima, per questo mese, è  Maze Runner e oggi vi parlerò del primo volume.

SCHEDA DEL LIBRO

TITOLO: Maze Runner. Il Labirinto (#1)
AUTORE: James Dashner
EDITORE: Fanucci
PAGINE: 408 pg
PREZZO: 14,90 euro







TRAMA

Quando Thomas si risveglia, le porte dell'ascensore in cui si trova si aprono su un mondo che non conosce. Non ricorda come ci sia arrivato, né alcun particolare del suo passato, a eccezione del proprio nome di battesimo. Con lui ci sono altri ragazzi, tutti nelle sue stesse condizioni, che gli danno il benvenuto nella Radura, un ampio spazio limitato da invalicabili mura di pietra, che non lasciano filtrare neanche la luce del sole. L'unica certezza dei ragazzi è che ogni mattina le porte di pietra del gigantesco Labirinto che li circonda vengono aperte, per poi richiudersi di notte. Ben presto il gruppo elabora l'organizzazione di una società disciplinata dai Custodi, nella quale si svolgono riunioni dei Consigli e vigono rigorose regole per mantenere l'ordine. Ogni trenta giorni qualcuno si aggiunge a loro dopo essersi risvegliato nell'ascensore. Il mistero si infittisce quando - senza che nessuno se lo aspettasse - arriva una ragazza. È la prima donna a fare la propria comparsa in quel mondo, ed è il messaggio che porta con sé a stupire, più della sua stessa presenza. Un messaggio che non lascia alternative. Ma in assenza di qualsiasi altra via di fuga, il Labirinto sembra essere l'unica speranza del gruppo... o forse potrebbe rivelarsi una trappola da cui è impossibile uscire.  

AUTORE

James Dashner è uno scrittore statunitense, autore di libri di genere distopico per ragazzi, noto soprattutto per la saga The Maze Runner. 










RECENSIONE

In questa recensione non mi dilungherò nel raccontare la trama perché sicuramente ormai la conoscete tutti. La lettura di questo libro mi ha portata alla totale incredulità di quello che stavo leggendo. La storia, per come è stata organizzata, vi darà momenti di totale interesse in cui tutto vi sembra raccontato nel modo perfetto ad altri momenti in cui vi sembrerà che ci sia qualcosa di troppo veloce o scontato. 
L'inizio è stato un po' problematico visto che l'interesse verso la storia era alto ma nello scorrere delle pagine mi sembrava di non procedere verso nessun porto. Forse in certi punti c'è una lentezza nel raccontare i fatti o nel capire perché nessuno spieghi niente. Ed è proprio questo a portarvi avanti nella lettura con un certo fastidio: Perché nessuno non dice niente? 
I personaggi sono fin dall'inizio molto vaghi ma emergeranno soprattutto per il loro carattere e per il loro ruolo preciso nella storia. L'autore non si perderà nelle loro descrizioni o nel spiegarvi chi sono o cosa hanno fatto. Inizierà a parlavi di loro come se fossero arrivati all'improvviso. 
Il potere di questa storia è nell'originalità, nella confusione che genera un interesse a livelli davvero alti e quella frenesia di certi episodi che vi ritroverete a seguire.
Il punto è che tutto ciò non ha senso in nessuna delle pagine. Ve ne renderete conto dall'inizio alla fine del libro. Ecco perché vi consiglio già di iniziare questa serie avendo almeno il secondo libro nella vostra libreria. Non è una lettura che potete commentare o criticare dal primo volume, è necessario almeno il secondo per vedere dove andiamo a parare. Voglio ritenere questo primo capitolo un'introduzione per rapirvi nella rete di un'autore che ha saputo rendere una storia davvero particolare e unica. 
Fin dall'inizio vi sembrerà di arrivare a mille conclusioni che poi vedrete smantellate una ad una davanti ai vostri occhi e vi posso assicurare, almeno per me, che il momento più spiazzante è arrivato all'ultima pagina. 
Cos'è Maze Runner? Un libro distopico o forse, possiamo semplicemente definirlo "totalmente folle".

PUNTEGGIO


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog