giovedì 22 gennaio 2015

Recensione: Nel profondo di Giuliana Ricci (Dunwich Edizioni)

Ci tengo a proporvi la recensione di un racconto letto proprio in questi giorni e gentilmente inviatomi dalla casa editrice Dunwich Edizioni. La novella di cui vi voglio parlare è: "Nel profondo" di Giuliana Ricci.

SCHEDA DEL LIBRO

TITOLO: Nel Profondo
AUTORE: Giuliana Ricci
EDITORE: Dunwich edizioni
PAGINE: 40 pg
PREZZO EBOOK: 0,99 euro

LINK  DI ACQUISTO: AMAZON






TRAMA

Quali leggende o ignote realtà nasconde la profondità dell’oceano? I ruderi di una civiltà perduta, il canto di un’eterea creatura o forse solamente un miraggio?
Ario è un esploratore e un esperto di immersioni subacquee. Conosce bene il fascino e la pericolosità dei fondali ma neanche immagina quale abisso di segreti possa celare. Alcune foto lo hanno incuriosito. Ritraggono strutture di roccia tagliate con precisione e figure geometriche simili a costruzioni templari. Potrebbero essere formazioni naturali, i risultati di un’abile manipolazione grafica oppure i resti di una città sottomarina. Lui è intenzionato a svelare il mistero. Diverrà prigioniero di un richiamo irresistibile e testimone di un antico destino che lo porterà sulle tracce di un mondo sommerso.

AUTRICE

Giuliana Ricci è nata nel 1969 e vive a Lucca dove svolge l’attività di farmacista. Da sempre ama dipingere e recentemente si è dedicata anche alla scrittura. Due grandi passioni che le permettono di tradurre la propria fantasia in immagini e parole.
Nel 2008 ha vinto il premio di pittura estemporanea Raymond Victor Mee. Ha decorato calendari e illustrato le copertine di Le Tre Lune (AssoNuoviAutori.org) Alcuni suoi racconti sono stati selezionati per le antologie Asylum 100 (StBook), I cento corti (Edizioni Il Cavedio), Ritorno a Dunwich (Dunwich Edizioni), Morte a 666 giri (Dunwich Edizioni), NASF10 (AssoNuoviAutori.org), Garfagnana in giallo 2014 (Garfagnana Editrice) e I sogni sono come farfalle (Alcheringa Edizioni).
Nel 2012 è stata premiata al concorso letterario Racconti nella rete edito da Nottetempo. Nel 2013 si è classificata seconda in Pets, animali dal futuro (NuoviAutoriScienceFiction), terza nel concorso di letteratura fantascientifica Senagalactica e in Halloween all’Italiana di Letteratura Horror (Ciesse Edizioni). Nello stesso anno ha vinto il concorso Albe e tramonti (AssoNuovi Autori.org). Nel 2014 ha ottenuto il terzo posto in Software vs Hardware (EbookEditore), ha vinto il concorso Gente che scrive sulla mitologia e L’ultimo Canto delle Sirene (Dunwich Edizioni).

RECENSIONE

Il nostro protagonista è Ario ed è un sommozzatore. Si trova nelle isole di Saint Kitts e per la sua nuova immersione è stato accompagnato da un peschereccio che porta il nome di Caribe.
Un mistero sembra avvolgere i fondali che Ario vuole esplorare e nonostante i bisbigli anche i due marinai sembrano sapere qualcosa.
Lo scopo di quell'immersione è scoprire una civiltà antica e sconosciuta e aggiudicarsi così quella notorietà che lo porterebbe a salire di grado.
Questa che si appresta a fare non è la prima immersione, infatti qualcosa di strano aveva già scosso il nostro protagonista. Non c'erano tracce di rocce particolari o costruzioni dimenticate. I suoi occhi non avevano notato niente di diverso ma il suo udito, però, aveva udito una voce.

"Tu mi troverai
io ti porterò con me
da colei che cercò l'oblio nelle onde
dopo il fallace canto.
Perderai le stelle
e troverai l'abisso."

In questa seconda immersione, lo scopo si direziona nel cercare di udire di nuovo quella voce "triste, attraete e avvolgente".
Si ritrova ad udire ancora quelle parole e spinto da una forza estranea la segue, senza prestare attenzione ad altro. Quando la voce diventa non più udibile, Ario si rende conto di essere troppo lontano e che l'ossigeno non può bastare per risalire. 

"In una sorta di nebbia, gli sembrò di vedere quel che rimaneva di un'antica città. Palazzi cadenti, templi trascurati, piazze e strade in dissesto. Un luogo popolato dai fantasmi di altri esploratori e creature senza età, intristite e prigioniere di un'immensa solitudine."

Ormai Ario sa di non avere speranze e proprio mentre le ultime forze sembrano abbandonarlo, una donna compare e le sue labbra si posano sulle sue donandogli forza e tranquillità
Quando si risveglia davanti a lui c'è un uomo e vede di essere steso su una barca a vela. L'uomo, soprannominato Orso Grigio, l'ha salvato mentre galleggiava svenuto.
Il suo salvatore sembra intuire l'accaduto e rivela i suoi pensieri verso l'esistenza di creature misteriose che abitano i fondali. Ario rivela tutto sull'episodio e i due uomini iniziano così a collaborare per cercare di capirne di più. 
Al terzo tentativo di immersione, la voce lo conduce da Jamila, una bellissima sirena. 
L'incontro lo porterà a conoscenza della vera storia su quel mondo nascosto e sulla donna davanti ai suoi occhi. 
Questo racconto ci avvolge portandoci all'interno del fascinoso mondo delle sirene.
L'autrice grazie all'intreccio di varie leggende e storie ha dato vita ad un nuovo modo di vedere queste creature. 
Ho apprezzato molto la descrizione degli ambienti e il racconto della sirena sui fatti accaduti al suo popolo. Ho trovato, invece, un po' semplice la figura di Ario, di cui sappiamo ben poco e personalmente avrei preferito vedere questo personaggio più argomentato, cercando di capire la sua personalità e i suoi pensieri.
Questa novella ha di fondo un potenziale davvero valido e anche se certi aspetti o cambiamenti avvengono un po' troppo velocemente credo che l'autrice abbia la giusta fantasia per elaborare una storia ancora più completa.
E' una lettura veloce che ci lascia comprendere come emerge del talento e di come una tematica molto particolare, come il mondo delle sirene, viene ambientata in modo credibile.
L'unico aspetto, nel racconto, che ho trovato mancasse di spessore è relativo al protagonista e alla sua personalità.
Credo che quest'autrice abbia le capacita per poter scrivere qualcosa di più complesso visto che la lettura risulta molto piacevole e riesce a rendere la sua storia visiva.

PUNTEGGIO 


2 commenti:

  1. Grazie della recensione e degli utili consigli.

    RispondiElimina
  2. Grazie del commento. E' stato un piacere leggerlo :-)!!

    RispondiElimina

Cerca nel blog