giovedì 9 aprile 2015

Recensione: Tacchi e Taccheggi di Desy Icardi (Golem Edizioni)

Buongiorno lettori, oggi vi propongo una nuova recensione. Ringrazio l'autrice per avermi contattata e sono davvero contenta di dare spazio al suo romanzo. Parliamo di "Tacchi e Taccheggi" di Desy Icardi edito Golem Edizioni.

TITOLO: Tacchi e Taccheggi
AUTORE: Desy Icardi
EDITORE: Golem Edizioni
PAGINE: 112 pg
PREZZO: 10 euro

Link Acquisto: Amazon!

TRAMA


Due donne, una truffatrice professionista e una ladra dilettante, vengono scoperte a taccheggiare in un supermercato e si ritrovano, entrambe, trattenute nell'ufficio delle guardie giurate. L'attesa si prolunga finché, le protagoniste si rendono conto di esse state dimenticate e di dover passare l'intera notte nell'ipermercato ormai chiuso. Nel corso della nottata le due donne, sono costrette, loro malgrado, a un confronto tra chi ruba per "lavoro" e chi lo fa per "hobby". Tra gag surreali e dialoghi vivaci, le esperienze delle due protagoniste si sovrappongono e intrecciano rivelando che tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo rubato qualcosa a qualcuno, che si tratti di denaro, di tempo, di attenzione, di sesso o addirittura di amore.

AUTORE

Desy Icardi è nata e vive a Torino, dove si è laureata al DAMS. Opera come formatrice aziendale. Attrice e cabarettista nonché autrice di testi teatrali, in prevalenza comici. Nel 2013 ha assunto la co-direzione di “Facciamo la Lingua” scuola di comunicazione e scrittura fondata dal giallista torinese Massimo Tallone. È, infine, ideatrice e amministratrice di Patataridens, blog dedicato alla comicità femminile.


RECENSIONE

Lydia lavora in un call center. L'agenzia interinale le ha assegnato un turno di 16 ore spesso incrementato da qualche ora extra. Questo lavoro, per Lydia, è fondamentale. Il colore rosso, ormai, padroneggiava il conto e la sua chiusura era stata l'unica scelta più giusta. I soldi che si ritrovava a gestire in un mese erano miseri ma questo non riusciva ancora a scoraggiarla.
Barbara, invece, è una donna austera ed elegante e il suo studio "Assistenza fiscale Agili" si trova nello stesso palazzo degli uffici del Call Center. L'unica impiegata di Barbara si chiama Carla, una ragazza che in due anni ha sviluppato un'adorazione totale per la sua datrice di lavoro.

Clara provava per Barbara ciò che molte ragazze provano per le donne più grandi che prendono a modello, il suo sentimento era pericolosamente in bilico tra "Voglio essere te" e "Voglio stare con te."

L'autrice, ci regala una panoramica del lavoro di Lydia, in modo molto divertente, riuscendo a dar voce ad una realtà fin troppo vera. Barbara, nonostante un lavoro ben avviato, sposata e senza problemi di soldi, si ritrova a dove pagare una psicologa per poter parlare con qualcuno.
Il loro incontro sembra essere scritto nel destino e avverrà in modo inaspettato per entrambe eppure alla prima occhiata tra le due scatta la consapevolezza di avere davanti agli occhi qualcuno di affine.
Tutte e due hanno un hobby inusuale.

Una col trucco da rivista anni '30, i capelli raccolti in un anacronistico quanto impeccabile chignon e un paio di scarpette con i tacchi alti e sottili che sembravano nati per calpestare i luoghi più favolosi del creato. Istintivamente Lydia allungò una gamba per far sbucare il piede oltre l'orlo slabbrato dei suoi jeans e appena la punta di una scarpa da ginnastica sbiadita face capolino, subito la ritrasse come una lumaca vergognosa.

La scrittura di Desy vi conquisterà e la sua simpatia nel modo di descrivere le due protagoniste e la storia stessa è irresistibile. La cosa che ho adorato di questo libro è il modo in cui si percepisce la noia di Barbara in contrasto con la furbizia di Lydia. 
Le due donne sono nettamente diverse ed è proprio questo a renderle interessanti. Lydia, conosce tutti i trucchetti per rubare con disinvoltura in qualsiasi negozio e Barbara ne sarà affascinata. 
Le due si scambieranno le rispettive lamentele sulle loro vite rendendo i dialoghi davvero belli da seguire e vi sapranno intrattenere con coinvolgimento. 
Per uno scherzo del destino le due donne si ritroveranno a condividere una notte insieme e questo darà spazio ai loro pensieri di uscire in libertà, trovando conforto, risate e riflessioni ironiche.
L'autrice ci lascia una visione della vita vista da un punto di vista non ordinario ma che trasmette delle verità a cui tutti noi abbiamo pensato. In questi casi l'aspetto e il conto in banca non conta.
Una storia che mi ha regalato dei momenti di vero divertimento e che consiglierei a tutti per trovare qualche ora di svago e di umorismo.

PUNTEGGIO


2 commenti:

  1. Proposta interessantissima, sembra divertente e leggero senza però essere banale, e ho proprio voglia di qualcosa di divertente dopo tutti i drammoni (la Gialappas direbbe "tutte le lacrime strappastorie") degli ultimi tempi.
    Un abbraccio e complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si divertentissimo! Dopo la Keegan ci voleva un libro così! Te lo consiglio molto e poi veramente nasconde la realtà dietro all'ironia dei dialoghi! Bacii

      Elimina

Cerca nel blog