sabato 29 agosto 2015

Da oggi in libreria! #38



28 Agosto 2015 
(in ritardo)!


TITOLO: Ritorno a Blackbrick
AUTORE: Sarah Moore Fitzgerald
EDITORE: Rizzoli
PREZZO: 14,50 euro

TRAMA

Per mantenere la promessa fatta al nonno, Cosmo arriva alla misteriosa Abbazia di Blackbrick. Varcato il cancello, si ritrova in un passato remoto di cui nessuno gli ha mai parlato. Lì suo nonno ha vissuto e lavorato, un tempo. Lì s’intrecciano amicizie e si perpetrano misfatti. Tutto può ancora accadere, e Cosmo spera di trovare le risposte che cambino il futuro della sua famiglia.







TITOLO: I giorni dell'altra
AUTORE: Maria Venturi
EDITORE: Rizzoli
PREZZO: 18 euro

TRAMA

Un weekend romantico a Parigi. Caterina non ci è mai andata, ed è stata una delle prime promesse che Giacomo le ha fatto. Invece niente. Un eterno rinvio, il simbolo perfetto della loro relazione.
Quando si conoscono lui le pare quasi irraggiungibile. Caterina è ancora una studentessa mentre Giacomo, fedele collaboratore del padre di lei nell’azienda di famiglia, è sorprendente e pieno di fascino. Ma soprattutto sposato. Con il tempo, però, tra loro nasce una sintonia perfetta. Fra un bicchiere di vino e una chiacchierata notturna, l’amore li travolge. Giacomo intanto si è separato da Federica, la compagna di sempre, e Caterina comincia a capire ciò che vuole da lui: un amore profondo, un futuro insieme. Ma lui non è ancora pronto a darle tutto questo, perché il senso del dovere e la nostalgia lo spingono a correre ogni volta che la moglie lo chiama. Nel frattempo, a unirlo ancora di più a Caterina, sono le difficoltà del padre e dell’azienda.
Quando tutto precipita, il loro legame è messo alla prova e nessuno dei due può più nascondersi. Sapranno, insieme, dimenticare il passato e vivere l’amore?


TITOLO: La targa
AUTORE: Andrea Camilleri
EDITORE: Rizzoli
PREZZO: 12 euro

TRAMA

Vigata, 1940. La sera dell’11 giugno, il giorno dopo l’entrata in guerra dell’Italia salutata dal paese intero come «la vincita di una quaterna al lotto», al circolo Fascio & Famiglia ricompare d’improvviso, dopo cinque anni di confino in quanto «diffamatore sistematico del glorioso regime fascista», Michele Ragusano. Nessuno, com’è inevitabile, lo saluta, ma gli animi in un attimo si riscaldano e volano male parole: fin quando a don Emanuele Persico, novantaseienne tutto pelle e ossa, squadrista della primissima ora, prende letteralmente un colpo. Tutto perché Ragusano gli ha chiesto con tono di sfida: «Il nomi di Antonio Cannizzaro vi dice nenti?». Qualcuno si inginocchia, avvicina l’orecchio al cuore del vecchio e sentenzia: «Morto è». Comincia così un esilarante circo di celebrazioni postume, di opportunismi e di verità sepolte, in cui ognuno eserciterà quell’arte sottile che è propria degli italiani d’ogni epoca: l’arte del revisionismo e del compromesso.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog