martedì 18 agosto 2015

Recensione: "Va' dove ti porta il cuore" di Susanna Tamaro

Buongiorno lettori, oggi torno con una recensione dedicata ad un mio acquisto recente e che ho terminato questa mattina.

SCHEDA DEL LIBRO

TITOLO: Va' dove ti porta il cuore
AUTORE: Susanna Tamaro
EDITORE: Bompiani
PAGINE: 185 pg
PREZZO: 11 euro

TRAMA


"Và dove ti porta il cuore", racconta una storia forte e umanissima in forma di lunga lettera - scandita come un diario - di una donna anziana alla giovane nipote lontana. È una lettera di amore e allo stesso tempo una pacata ma appassionata confessione a cuore aperto di un'intera vita che nel gesto della scrittura ritrova finalmente il senso della propria esperienza e della propria identità.





BIOGRAFIA

Susanna Tamaro è nata a Trieste nel 1957 e ha studiato al Centro Sperimentale di Cinematografia, diplomandosi in regia. Per dieci anni ha lavorato per la televisione, realizzando documentari scientifici. I suoi libri hanno venduto milioni di copie in Italia e sono stati tradotti in tutto il mondo. Tra i suoi titoli ricordiamo Ogni angelo è tremendo, Illmitz, Per voce sola, Va’ dove ti porta il cuore, Rispondimi, Fuori, Ascolta la mia voce, Luisito, Anima mundi, Cara Mathilda, Verso casa, Più fuoco, più vento, Ogni parola è un seme, L’isola che c’è, Per sempre (Giunti).





RECENSIONE

Questa storia parla di Olga, una donna anziana che scrive una serie di lettere alla nipote che si trova in America. Olga decide di scriverle per liberare il peso che porta con sé da moltissimi anni e soprattutto per riuscire a raggiungere in qualche modo il cuore della nipote. 
Olga racconta le difficoltà del loro rapporto e di come anche con la figlia non è mai riuscita ad avere il coraggio di aiutarla con più forza. 
Le lettere ci parlano del passato della donna, dei suoi pensieri, del rapporto con la figlia, del suo modo di affrontare la sua scomparsa e di come la nipote sia stata per lei quella seconda occasione di cui aveva bisogno.
Olga, però, sente di non aver ancora fatto abbastanza e svela i suoi segreti più nascosti alla nipote e riuscire così a raggiungerla quando lei non ci sarà più. 
Questa testimonianza diffonde per tutta la lettura messaggi importanti sulla vita, quelle parole di consolazione che tutti vorremmo sentirci dire, quelle risposte che cerchiamo e che forse nessuno è in grado di dire così naturalmente.
L'autrice ha dato la sua sensibilità, profondità ad un personaggio in grado di ammettere l'esistenza dei suoi lati più oscuri cosciente di come abbiano influito nella sua vita. Olga si sente sconfitta dagli errori che spesso hanno portato troppa distanza con le persone a cui teneva ed è pronta a rimediare nell'unico modo che le risulta possibile alla sua età.
Questa storia è intensa e toccante ma nonostante questo non ci porta a sentirne la pesantezza viste le tematiche importanti e forti, diventa quasi cibo per il nostro cuore.
Olga vi entra dentro e fino all'ultima riga vi renderete conto di come le sue parole abbiano aiutato voi. 
Credo che quest'autrice si deve affrontare in un'età in cui possiamo capire ciò che vuole dirci e ritrovandoci con il libro in mano senza saperne niente. 
Personalmente credo che prima di oggi non avrei potuto apprezzarla nel giusto modo. 
Un romanzo che consiglio a chi vuole affrontare una lettura capace di diventare una spalla su cui piangere, un'abbraccio, una mano che vi risolleva dalla confusione dei vostri tormenti. 
Un romanzo da rileggere più volte e custodire come un piccolo tesoro. 

PUNTEGGIO


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog