mercoledì 9 settembre 2015

Recensione: "Liv Forever" di Amy Talkington (Dea) coll.Cioccolato&Libri



Oggi vi vogliamo parlare di un libro uscito molto recentemente e che abbiamo davvero divorato in due giorni. Lo abbiamo aspettato, lo abbiamo comprato praticamente il giorno dell'uscita e non abbiamo resistito a leggerlo in modalità "Non ci sono per nessuno". Ecco qui la nostra opinione su "Liv Forever. Solo l'amore può vincere il destino" di Amy Talkington edito Dea.


SCHEDA DEL LIBRO

TITOLO: Liv Forever. Solo l'amore può vincere il destino
AUTORE: Amy Talkington 
EDITORE: Dea
PAGINE: 296 pg
PREZZO: 14,90 euro

TRAMA

La vita di Liv Bloom è sempre stata un disastro. Un continuo susseguirsi di famiglie affidatarie, delusioni e fallimenti. Ecco perché, quando Liv vince una borsa di studio per Wickham Hall, la più prestigiosa accademia d'arte dello stato, è al settimo cielo. L'arte non è solo la sua più grande passione, ma anche l'unica possibile via di fuga da una vita che detesta. E poco importa che l'atmosfera di Wickham Hall sia a dir poco spettrale, che gli antichi edifici abbiano un aspetto sinistro e che ogni angolo delia scuola risuoni di misteri e premonizioni. Liv è troppo felice per farci caso. Tanto più che Malcolm, il ragazzo più bello e talentuoso dell'accademia, sembra essersi disperatamente innamorato di lei. Presto, però, l'idillio si infrange. Perché nemmeno L'amore di Liv e Malcolm può ignorare l'antica maledizione che si nasconde tra i corridoi di Wickham Hall. Una maledizione che porta con sé una lunga scia di sangue. E che ora vuole reclamare la felicità di Liv.

BIOGRAFIA

Amy Talkington è cresciuta a Dallas, e poi ha frequentato un collegio sulla East Coast. La passione per la scrittura è iniziata con una serie di articoli musicali per riviste come Spin, Ray Gun, Interview e Seventeen. Poi Amy è entrata nel mondo del cinema. Diventata sceneggiatrice e regista, ha realizzato molte serie Tv di successo. Vive a Los Angeles. Liv Forever è il suo primo, straordinario romanzo.

http://amytalkington.com


RECENSIONE: Sognatrice Interrotta

Liv Bloom è la nostra protagonista. Una ragazza con l'amore per l'arte e per il disegno. 
Nonostante il suo passato non proprio tranquillo, Liv decide di voler provare ad entrare in una delle più importanti accademie d'arte, la Wickham Hall.
Fin dal suo arrivo, Liv, capisce che questa scuola è diversa da tutte le altre e non solo nell'aspetto molto imponente ma anche osservando gli altri studenti.
Tra tutti entrerà in sintonia con Malcolm, un ragazzo bello e misterioso e Gabe, l'esatto contrario.
La Wickham Hall nasconde storie di fantasmi e misteriosi incontri notturni tra alcuni studenti. La storia si intreccia di giuramenti, sparizioni e incidenti sospetti.
Purtroppo, però, Liv si ritroverà a fare i conti con ognuna di queste cose svelando così la maledizione che si cela dietro le mura di questa famosa scuola.
Il bello di riassumere la trama di un romanzo come questo è che non si può dire molto. Non posso dirvi di più perché vi svelerei quei "piccoli" colpi di scena che vi seguiranno per tutta la lettura.
Liv e Malcolm provano fin dal principio un'attrazione particolare e il loro interesse verrà segnato anche dalla stessa passione verso l'arte. Ecco che il loro rapporto ci viene raccontato in modo poetico, come se Malcolm fosse un ragazzo d'altri tempi. 
I loro incontri, però, non saranno molti ma ci regaleranno delle immagini molto suggestive, vista anche l'ambientazione molto bella.
Gabe è l'altro personaggio che farà la differenza e sarà proprio lui a vedere la Wickham Hall nel suo vero aspetto fin dall'inizio. 
I misteri e gli incidenti introdurranno la parte "paranormale" che rende questa storia più interessante. 
L'unico difetto che personalmente ho trovato è nella storia d'amore, nella quale Malcolm, nonostante il pochissimo tempo da quando conosce Liv, si dichiara in modo un po' troppo veloce e forse quest'aspetto non lo vedo molto credibile.
Questa lettura è scorrevole, bella e coinvolgente. Non è una lettura da vedere come "impegnativa" e da quando aprirete il libro non riuscirete più a staccarvi. Personalmente mi è piaciuto davvero molto e mi manca non potermi più immergere nell'ambientazione di questa storia. 
Lo consiglio a chi è piaciuta la lettura dei libri della serie Night School di C.J. Daugherty edita da Newton Compton.

PUNTEGGIO



---------------------------------------------

RECENSIONE: Cioccolato&Libri


La ragione per cui sono impazzita per questo libro, molto prima che fosse disponibile nelle librerie, è la copertina. L’ho afferrato e tra le mie mani c’era un design meraviglioso, un lilla bellissimo e del materiale fantastico. Non so voi ma io amo i libri ben “arredati”.
Incontriamo da subito Olivia Bloom ed assistiamo al suo arrivo in una prestigiosissima scuola, frequentata in passato da presidenti, dove potrà sfoderare tutte le sue abilità artistiche. Lì sono tutti super precisi ma a Olivia non sfugge che anche nelle cose che sembrano più perfette ci può essere qualche difetto.
La scuola è “strana”, piena di misteri e frequentata da ragazzi convinti di avere il mondo ai loro piedi. Olivia si sente fuori posto ma è contenta, forse pensa che un giorno anche lei acquisirà tutta la sicurezza dei suoi compagni.
Conosce subito un ragazzo, Malcolm, e come ovvio se ne innamora.

“A proposito, io sono Malcolm” disse con un tono gentile.
“Olivia. Ma tutti mi chiamano Liv.”
“Come live, senza la e?”
Annuii.
“Carino. Il mio nome è così insulso. Privo di qualsiasi ispirazione. Per questo sono costretto a usarlo sempre intero.”
“Sì, immagino. Mal non è il miglior nomignolo del mondo, eh?”
“O Colm.”

Ed ecco perché, per me e Katia, Malcolm è diventato Malchy.
La scuola è bellissima, descritta in modo emozionante e ti fa venir voglia di andare lì, almeno per le prime pagine… poi tutto diventa molto tetro ed inquietante e non vi rovinerò la storia dicendovi che ci troveremo a faccia a faccia con dei fantasmi.
Tutti sono molto abili nel mantenere i segreti, non li sanno neanche i muri, e tanto meno i lettori. La scrittrice è stata bravissima a creare un clima di mistero, i miei complimenti.
La cosa che più mi è piaciuta del libro è una scena, un disegno di Liv su una tela… particolare. Non vi dico di più, dovrete scoprirlo!
La cosa che non mi è piaciuta forse è stato un po’ il finale, lascia sospesi nonostante sia un autoconclusivo, quasi volesse comunicare al lettore di lavorare di fantasia. Con Katia concordiamo, inoltre, che il sottotitolo ci aveva illuse un po’ per l’intera storia.
Alla fine dei conti questo è un libro per me FAVOLOSO e il mio voto è 9!
Leggetelo, leggetelo, leggetelo. ♥

1 commento:

  1. Bella recensione *-*
    A me Liv Forever è piaciuto parecchio, soprattutto per i suoi personaggi insoliti (tra cui Gabe, che adoravo) e questa sua atmosfera inizialmente tranquilla, ma che poi si condisce di tinte fosche e lugubri... Bello bello *-*
    I fantasmi sono il punto di forza del libro, decisamente eheh
    Se vuoi leggere la mia recensione la trovi qui c: .
    A presto,
    Rainy

    RispondiElimina

Cerca nel blog