mercoledì 9 dicembre 2015

Recensione: "Non sono io sei tu" di Mhairi McFarlane (Harlequin Mondadori)



Ben ritrovati cari lettori! Oggi vi voglio parlare di un romanzo che mi è stato gentilmente inviato dalla casa editrice che ringrazio sempre di cuore. Questa recensione è in collaborazione con "Cioccolato&Libri".

SCHEDA DEL LIBRO

TITOLO: Non sono io sei tu
AUTORE: Mhairi McFarlane
EDITORE: Harlequin Mondadori
PAGINE: 515 pg
PREZZO: 14,90 euro

TRAMA


Delia Moss non è ben sicura di sapere dove ha sbagliato. Quando ha chiesto al suo fidanzato Paul di sposarla e ha scoperto che lui andava a letto con un'altra, ha pensato che fosse colpa sua. Quando ha realizzato che la vita non sarebbe più stata la stessa, ha pensato che fosse colpa sua. Ma quando Paul si rifà vivo come se niente fosse accaduto, Delia inizia a pensare: "Forse non sono io il problema. Forse il problema sei tu". Da Newcastle a Londra e ritorno, tra lavori loschi, capi eccentrici e giornalisti belli ma noiosi, Delia deve scoprire cosa ne è stato della sua vita e che fare del suo futuro.



BIOGRAFIA:

Mhairi McFarlane è nata in Scozia nel 1976 e da allora passa il suo tempo a spiegare come si pronuncia il suo nome (con la ‘V’, non con la ‘M’, colpa delle origini celtiche). Vive a Nottingham dove ha lavorato come giornalista e dove ora fa la scrittrice e la blogger (cioè, come dice lei, perde tempo su Twitter). Ama bere vino, mangiare e fare shopping. I suoi migliori aneddoti includono la lussazione di un gomito nel sollevare una valigia e un orrendo volo Londra-New York. Vive con il suo fidanzato e l'amatissimo gatto.



RECENSIONE: "Sognatrice Interrotta"

Delia è un personaggio molto interessante perché avrà la forza di rimettersi in gioco nonostante il tradimento del suo fidanzato e l'improvvisa scelta di licenziarsi.
Durante la storia siamo letteralmente sommersi da episodi divertenti e situazioni che ci porteranno a conoscere altri personaggi molto particolari che avranno un bel ruolo di sfondo nella vita di Delia.
Emma, l'amica di Delia, è uno dei miei personaggi preferiti che è riuscita con la sua ironia a strappare spesso qualche risata.
Ho adorato la passione nascosta di Delia e le pagine che ripropongono il suo fumetto in cui lei è un'eroina. 
Ad un primo impatto potrete ritrovare quella storia alla Kinsella oppure quell'ironia simile a "Tre amiche e tanti guai" della Costello ma questo romanzo va più nel profondo, non risultando superficiale ma parlando di tematiche importanti e riuscendo in questo contesto a dare valore ai cambiamenti che una persona può fare compiendo alcune scelte anche "estreme".
Essendo un libro molto corposo, forse, al primo impatto vi sembrerà un po' lentino ma da quando Delia si trasferirà a Londra verrete catapultati in diverse situazioni che renderanno la lettura molto scorrevole.
Delia è una protagonista con cui tutte noi potremmo confrontarci soprattutto per il suo modo di essere anche vicina alla realtà. Il suo modo di ritrovare se stessa viene, secondo me, cercato nel migliore dei modi e cercherà di ritrovare quelle qualità che più hanno valore in lei.
Spesso una serie di sfortunati eventi non sono esplicitamente un'errore nostro ma vengono causati anche da chi ci circonda condizionando anche il nostro presente.
E' un romanzo leggero che consiglio ma è anche una lettura che può dare quel qualcosa in più regalandoci delle belle risate e adatta ai momenti più no della giornata.

PUNTEGGIO





RECENSIONE: "Cioccolato&Libri"

Apri il libro e cosa ti trovi davanti? Un fumetto!
No, il libro non è tutto così.
La trama si sviluppa e allo stesso tempo ci sono queste bellissime illustrazioni che accompagnano la lettura.
In realtà non capisci perché ci sono queste immagini finché non leggi una parte della storia: Delia si diverte a disegnare un fumetto su una volpe.
Ho apprezzato molto questi disegni :)
Delia ci viene presentata come una trentenne abbastanza sfortunata, come una ragazza che si è accontentata di quello che la vita le ha dato e che, nonostante ci siano dei problemi, si rassegna a tutto ciò che le capita. Chiede all’uomo con cui sta da dieci anni di sposarla e scopre che lui la tradisce, ha un lavoro dove nessuna delle sue capacità viene valorizzata, vive lontana dalla sua migliore amica e dalla sua famiglia.
Dov’è la felicità in tutte queste cose?
Non c’è!
Delia decide di lasciare tutto e partire per Londra, di trovarsi un nuovo lavoro e subito appaiono i primi ostacoli.
Il nuovo capo di Delia ha dei nemici… e questi nemici finiscono inevitabilmente per prendersela con lei.
E’ una tragedia come sembra o Delia potrà trarne qualcosa di buono?
Ovviamente, da buon romanzo indirizzato alle donne, la storia d’amore non manca ma si sviluppa come si deve soprattutto nelle ultime pagine. Di che storia d’amore sto parlando? Di quella con l’ex fidanzato o di quella con un uomo del tutto nuovo?

<<Se hai paura, va bene così. Perché aver paura non ti impedisce di farcela>>.

Sarà questo l’insegnamento più grande che Delia acquisirà e consiglierà a chi le sta vicino.
Un libro di crescita personale e, soprattutto, che rispecchia la realtà di molte persone.
Le risate non mancano (in alcune scene mi sono divertita da matti, immaginandomi con la mia migliore amica) e questo rende il tutto meno pesante.
Ok, stiamo parlando di 517 pagine… ma io avevo un gran bisogno di distrarmi e le ho “sopportate” con piacere.

Voto: 8 e mezzo.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog